"Italiani brava gente." Effetti di un mito storico sulle relazioni sociali contempranee