Il poster presenta un modello di ricerca performativa sperimentato in ambiti diversi. Un modello sensibile al contesto il cui intento è generare apprendimenti trasformativi (Mezirow), interrogando le cornici di senso entro le quali i partecipanti si muovono. La “spirale della conoscenza” è l'immagine dinamica e ciclica che viene usata per mettere in sequenza 4 saperi: l'esperienza autentica, la (rap)presentazione estetica, la comprensione intelligente e l'azione deliberata. La proposta si nutre della lezione batesoniana, dell'enactment di Varela, della cooperative inquiry di Heron e della filosofia come pratica di cura (Philo). Trova appoggio teorico nelle teorie dell'attore sociale, nei lavori di Freire e Boal, nella lettura foucaultiana del corpo assoggettato. Trae spunto da un ventaglio di studi pedagogici (molti dei quali presenti nel nostro Dipartimento) che, nella loro diversità epistemologica e metodologica, contribuiscono all'idea di un mettersi in gioco con esiti trasformativi. Nel poster vengono illustrati 4 oggetti di ricerca in educazione degli adulti – l'autoorientamento esistenziale, la professionalità, la famiglia, la formazione universitaria. Ognuno è illuminato dall'attraversamento della spirale, come mostrano 4 progetti di ricerca: due progetti di dottorato, una ricerca-formazione con professionisti della cura pedagogica e una ricerca con studenti non tradizionali in università.

Formenti, L., Galimberti, A., Luraschi, S., Del Negro, G. (2015). Quando raccontare è trasformare: saperi, oggetti e progetti per la formazione [Working paper del dipartimento].

Quando raccontare è trasformare: saperi, oggetti e progetti per la formazione

FORMENTI, LAURA;LURASCHI, SILVIA;
2015

Abstract

Il poster presenta un modello di ricerca performativa sperimentato in ambiti diversi. Un modello sensibile al contesto il cui intento è generare apprendimenti trasformativi (Mezirow), interrogando le cornici di senso entro le quali i partecipanti si muovono. La “spirale della conoscenza” è l'immagine dinamica e ciclica che viene usata per mettere in sequenza 4 saperi: l'esperienza autentica, la (rap)presentazione estetica, la comprensione intelligente e l'azione deliberata. La proposta si nutre della lezione batesoniana, dell'enactment di Varela, della cooperative inquiry di Heron e della filosofia come pratica di cura (Philo). Trova appoggio teorico nelle teorie dell'attore sociale, nei lavori di Freire e Boal, nella lettura foucaultiana del corpo assoggettato. Trae spunto da un ventaglio di studi pedagogici (molti dei quali presenti nel nostro Dipartimento) che, nella loro diversità epistemologica e metodologica, contribuiscono all'idea di un mettersi in gioco con esiti trasformativi. Nel poster vengono illustrati 4 oggetti di ricerca in educazione degli adulti – l'autoorientamento esistenziale, la professionalità, la famiglia, la formazione universitaria. Ognuno è illuminato dall'attraversamento della spirale, come mostrano 4 progetti di ricerca: due progetti di dottorato, una ricerca-formazione con professionisti della cura pedagogica e una ricerca con studenti non tradizionali in università.
Working paper del dipartimento
Scientifica
Poster (presentato in Dipartimento dal gruppo di ricerca per la 'Giornata dei Poster')). Illustra la metodologia di ricerca utilizzata in 4 diversi progetti, due conclusi (prof.ssa Laura Formenti e dott. Andrea Galimberti, dottore di ricerca) e due attualmente in corso (dottorande).
Cooperative inquiry, apprendimento trasformativo, educazione degli adulti
Italian
Formenti, L., Galimberti, A., Luraschi, S., Del Negro, G. (2015). Quando raccontare è trasformare: saperi, oggetti e progetti per la formazione [Working paper del dipartimento].
Formenti, L; Galimberti, A; Luraschi, S; Del Negro, G
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
POSTER.pdf

accesso aperto

Descrizione: Immagine del poster definitivo
Dimensione 565.09 kB
Formato Adobe PDF
565.09 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/80344
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact