Roma e Strasburgo: questioni analoghe, sensibilità diverse