The Legislative Decree 152/06 on environmental regulations also governs polluted site remediation (Part IV). A potentially contaminated site is defined when concentrations exceed the limits reported in the Attachment 5 (Title V). Nevertheless, the Legislative Decree 152/06 considers the possibility of higher limits than Attachment 5 for trace elements in the case of natural high contents by the definition of natural background levels. The lower Po Plain is characterized by high natural concentrations of As, Fe and Mn in groundwater and, at the same time, is one of the most important areas for the Italian productive system, and thus, possible direct sources of As, Fe and Mn or indirect anthropogenic influences could also exist. Therefore, an operative tool is required to determine the natural background levels and to understand if measured high concentrations are attributable to natural backgrounds or to anthropogenic sources/influences, and consequently, to decide on the beginning of the administrative procedure requested by the Legislative Decree 152/09 through the site characterization phase. This work presents a proposal of procedure to manage potentially contaminated site by As, Fe and Mn in the lower Po Plain, that was developed in the framework of a scientific collaboration between the Province of Cremona and the University of Milano-Bicocca. The procedure involves the following four steps, preceded by the derivation of natural background levels as step zero: (1) comparing new measurements to natural background levels; (2) testing the presence of direct anthropogenic sources of As, Fe and Mn; (3) excluding false positives and (4) testing the presence of indirect anthropogenic influences on As, Fe and Mn concentrations. The operative application of the proposed procedure is actually under consideration by the Province of Cremona. - Il Decreto Legislativo 152/06 Norme in materia ambientale nella sua Parte IV, che regola la materia delle bonifiche dei siti contaminati, definisce come sito potenzialmente contaminato un sito nel quale sono rinvenuti uno o più superamenti delle concentrazioni soglia di contaminazione, elencate nell'Allegato 5 al Titolo V. Tuttavia, il Decreto prevede l'utilizzo di concentrazioni soglia più alte rispetto a quelle dell'Allegato 5 nel caso in cui il sito si trovi in un’area caratterizzata da alti valori naturali di fondo. La bassa Pianura Padana è caratterizzata naturalmente da alte concentrazioni di As, Fe e Mn nelle acque sotterranee, e allo stesso tempo, essendo una delle maggiori aree produttive del Paese, è soggetta a possibili sversamenti diretti di questi elementi e/o ad influenze antropiche indirette sulle loro concentrazioni. Risulta quindi necessaria l’adozione di uno strumento operativo da parte degli Enti locali territoriali che possa essere in grado di definire i valori naturali di fondo e di comprendere se le alte concentrazioni misurate possano essere associate al fondo naturale o a sorgenti/influenze antropiche, e quindi, di decidere sull’avvio della procedura amministrativa prevista dal Decreto Legislativo 152/06 attraverso la realizzazione del piano di caratterizzazione. Questo lavoro presenta una proposta di procedura di gestione di potenziali contaminazioni da As, Fe e Mn nelle acque sotterranee della bassa Pianura Padana, che è stata sviluppata nell'ambito di una collaborazione scientifica tra la Provincia di Cremona e l'Università di Milano-Bicocca. La procedura presentata è impostata su quattro passi, preceduti dalla derivazione dei valori naturali di fondo come passo zero: (1) confronto delle nuove concentrazioni misurate con i valori di fondo; (2) verifica dell’esistenza di sorgenti antropiche dirette di As, Fe e Mn; (3) esclusione dei falsi positivi e (4) verifica della presenza di influenze antropiche indirette sulle concentrazioni di As, Fe e Mn. L’applicazione operativa della procedura presentata è attualmente al vaglio della Provincia di Cremona.

Rotiroti, M., Fumagalli, M., Bonomi, T. (2014). Come gestire potenziali contaminazioni da As, Fe e Mn nelle acque sotterranee della bassa Pianura Padana: una proposta dal caso studio di Cremona - How to manage potential groundwater contaminations by As, Fe and Mn in lower Po Plain: a proposal from the case study of Cremona. ACQUE SOTTERRANEE, 3(2/136), 9-16 [10.7343/AS-070-14-0096].

Come gestire potenziali contaminazioni da As, Fe e Mn nelle acque sotterranee della bassa Pianura Padana: una proposta dal caso studio di Cremona - How to manage potential groundwater contaminations by As, Fe and Mn in lower Po Plain: a proposal from the case study of Cremona

ROTIROTI, MARCO;FUMAGALLI, MARIA LETIZIA;BONOMI, TULLIA
2014

Abstract

The Legislative Decree 152/06 on environmental regulations also governs polluted site remediation (Part IV). A potentially contaminated site is defined when concentrations exceed the limits reported in the Attachment 5 (Title V). Nevertheless, the Legislative Decree 152/06 considers the possibility of higher limits than Attachment 5 for trace elements in the case of natural high contents by the definition of natural background levels. The lower Po Plain is characterized by high natural concentrations of As, Fe and Mn in groundwater and, at the same time, is one of the most important areas for the Italian productive system, and thus, possible direct sources of As, Fe and Mn or indirect anthropogenic influences could also exist. Therefore, an operative tool is required to determine the natural background levels and to understand if measured high concentrations are attributable to natural backgrounds or to anthropogenic sources/influences, and consequently, to decide on the beginning of the administrative procedure requested by the Legislative Decree 152/09 through the site characterization phase. This work presents a proposal of procedure to manage potentially contaminated site by As, Fe and Mn in the lower Po Plain, that was developed in the framework of a scientific collaboration between the Province of Cremona and the University of Milano-Bicocca. The procedure involves the following four steps, preceded by the derivation of natural background levels as step zero: (1) comparing new measurements to natural background levels; (2) testing the presence of direct anthropogenic sources of As, Fe and Mn; (3) excluding false positives and (4) testing the presence of indirect anthropogenic influences on As, Fe and Mn concentrations. The operative application of the proposed procedure is actually under consideration by the Province of Cremona. - Il Decreto Legislativo 152/06 Norme in materia ambientale nella sua Parte IV, che regola la materia delle bonifiche dei siti contaminati, definisce come sito potenzialmente contaminato un sito nel quale sono rinvenuti uno o più superamenti delle concentrazioni soglia di contaminazione, elencate nell'Allegato 5 al Titolo V. Tuttavia, il Decreto prevede l'utilizzo di concentrazioni soglia più alte rispetto a quelle dell'Allegato 5 nel caso in cui il sito si trovi in un’area caratterizzata da alti valori naturali di fondo. La bassa Pianura Padana è caratterizzata naturalmente da alte concentrazioni di As, Fe e Mn nelle acque sotterranee, e allo stesso tempo, essendo una delle maggiori aree produttive del Paese, è soggetta a possibili sversamenti diretti di questi elementi e/o ad influenze antropiche indirette sulle loro concentrazioni. Risulta quindi necessaria l’adozione di uno strumento operativo da parte degli Enti locali territoriali che possa essere in grado di definire i valori naturali di fondo e di comprendere se le alte concentrazioni misurate possano essere associate al fondo naturale o a sorgenti/influenze antropiche, e quindi, di decidere sull’avvio della procedura amministrativa prevista dal Decreto Legislativo 152/06 attraverso la realizzazione del piano di caratterizzazione. Questo lavoro presenta una proposta di procedura di gestione di potenziali contaminazioni da As, Fe e Mn nelle acque sotterranee della bassa Pianura Padana, che è stata sviluppata nell'ambito di una collaborazione scientifica tra la Provincia di Cremona e l'Università di Milano-Bicocca. La procedura presentata è impostata su quattro passi, preceduti dalla derivazione dei valori naturali di fondo come passo zero: (1) confronto delle nuove concentrazioni misurate con i valori di fondo; (2) verifica dell’esistenza di sorgenti antropiche dirette di As, Fe e Mn; (3) esclusione dei falsi positivi e (4) verifica della presenza di influenze antropiche indirette sulle concentrazioni di As, Fe e Mn. L’applicazione operativa della procedura presentata è attualmente al vaglio della Provincia di Cremona.
Articolo in rivista - Articolo scientifico
Arsenic, Iron, Manganese, Potentially contaminated site, Natural background levels, Po Plain - Arsenico, Ferro, Manganese, Sito potenzialmente contaminato, Valori naturali di fondo, Pianura Padana
Italian
9
16
8
Rotiroti, M., Fumagalli, M., Bonomi, T. (2014). Come gestire potenziali contaminazioni da As, Fe e Mn nelle acque sotterranee della bassa Pianura Padana: una proposta dal caso studio di Cremona - How to manage potential groundwater contaminations by As, Fe and Mn in lower Po Plain: a proposal from the case study of Cremona. ACQUE SOTTERRANEE, 3(2/136), 9-16 [10.7343/AS-070-14-0096].
Rotiroti, M; Fumagalli, M; Bonomi, T
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Rotiroti_et_al_2014_AS-IJG.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia di allegato: Author’s Accepted Manuscript, AAM (Post-print)
Dimensione 603.66 kB
Formato Adobe PDF
603.66 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/52442
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact