L'articolo intende riflettere sulle ambiguità del concetto di "sviluppo sostenibile" a partire da un'analisi etnografica di alcuni documenti di indirizzo della FAO (Food and Agriculture Organization), l'agenzia delle Nazioni Unite nata con lo scopo di combattere la fame nel mondo attraverso l'implementazione di adeguate politiche agricole. L'articolo mostra come l'ambiente, sebbene presente nei "discorsi" dell'istituzione come presupposto oggettivo e non problematico del proprio operato istituzionale, sia in realtà il prodotto di una costruzione culturale per nulla neutrale, che sancisce l'adesione della FAO al modello della "green revolution". In quest'ottica la risoluzione delle questioni ambientali e delle crisi ecologiche può essere ottenuto solo attraverso l'ampliamento - e non il ripensamento - di un approccio esclusivamente gestionale e tecnicista. L'attenzione solo marginale rivolta ad esperienze basate su presupposti culturali diversi, come ad esempio l'agricoltura biologica, conferma la sostanziale adesione della FAO ad un'idea "debole" di sostenibilità, senza sostanziali cambi di paradigma

Tassan, M. (2004). La cultura dell'ambiente nelle politiche di sviluppo della FAO. QUADERNI DEL CREAM, 2, 119-143.

La cultura dell'ambiente nelle politiche di sviluppo della FAO

TASSAN, MANUELA
2004

Abstract

L'articolo intende riflettere sulle ambiguità del concetto di "sviluppo sostenibile" a partire da un'analisi etnografica di alcuni documenti di indirizzo della FAO (Food and Agriculture Organization), l'agenzia delle Nazioni Unite nata con lo scopo di combattere la fame nel mondo attraverso l'implementazione di adeguate politiche agricole. L'articolo mostra come l'ambiente, sebbene presente nei "discorsi" dell'istituzione come presupposto oggettivo e non problematico del proprio operato istituzionale, sia in realtà il prodotto di una costruzione culturale per nulla neutrale, che sancisce l'adesione della FAO al modello della "green revolution". In quest'ottica la risoluzione delle questioni ambientali e delle crisi ecologiche può essere ottenuto solo attraverso l'ampliamento - e non il ripensamento - di un approccio esclusivamente gestionale e tecnicista. L'attenzione solo marginale rivolta ad esperienze basate su presupposti culturali diversi, come ad esempio l'agricoltura biologica, conferma la sostanziale adesione della FAO ad un'idea "debole" di sostenibilità, senza sostanziali cambi di paradigma
Articolo in rivista - Articolo scientifico
sviluppo sostenibile, etnografia delle istituzioni, FAO, green revolution, agricoltura biologica
Italian
119
143
25
Tassan, M. (2004). La cultura dell'ambiente nelle politiche di sviluppo della FAO. QUADERNI DEL CREAM, 2, 119-143.
Tassan, M
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/46266
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact