In the setting of neoliberal agricultural policies in Tanzania the commercialization of new food products and the emphasis on the access to non-local markets have engendered an inevitable decrease in the cultivar and a fast change of leafy vegetables production and con-sumption. These practices have been historically present and, especially in semi-arid areas such as the Dodoma region, have always contributed to the empowerment of the strategies to face the erratic rain season (masika) and the ever-changing atmospheric modifications, which nowadays are even more accelerated.The analysis of the culinary order and of the climate disorders, as seen from the standpoint of the leafy vegetables (mboga), enables to open new scenarios of interpretation that help to connect local agricultural knowledge, the ability of “reading the sky”, the fiduciary and moral exchanges as well as the marketing gender relationships.Food expertise of local mboga, side dish of ugali, also refer to the knowledge of the rain se-ason, and of its new irregularities and uncertainties within the process of global warming: the cultivar diversification and the promotion of different leaves have always been ways of “resilience to climate changes”, since the masika has always been a source of uncertainty as well as of relative abundance, as it has been at the core of the same political and ritual structures of the past.

Nel contesto di politiche agricole neo-liberiste in Tanzania, la commercializzazione di nuovi prodotti agricoli e l’enfasi sull’accesso ai mercati fuori dall’ambito locale ha causato un’inevitabile erosione dei cultivar e un rapido indebolimento delle pratiche agricole storicamente presenti. In contesti semi-aridi come la regione di Dodoma, le scelte alimentari hanno da sempre contribuito a rafforzare le strategie nell’affrontare l’erraticità della stagione delle piogge (masika) e i cambiamenti atmosferici. L’analisi degli ordini culinari e dei disordini atmosferici dalla prospettiva della filiera delle verdure a foglia (mboga) permette di aprire nuovi scenari interpretativi che riescono a connettere le forme di potere e dipendenza ai saperi agricoli locali, le competenze nel “leggere” il cielo, i ruoli familiari in ambito nutrizionale, gli interscambi fiduciari e le relazioni di genere in ambito commerciale. I saperi del cibo, accompagnamento dell’ugali, sono anche necessariamente dei saperi della masika e delle sue nuove irregolarità e incertezze all’interno del processo di surriscaldamento globale: la diversificazione colturale e la valorizzazione di molteplici foglie sono da sempre forme di «resilienza ai cambiamenti climatici», dal momento che qui da sempre la masika è fonte di incertezza come di relativa abbondanza ed è stata al centro delle stesse strutture politiche e rituali del passato.

Aiolfi, B., Van Aken, M. (2022). Mboga e masika. Ordini culinari e disordini atmosferici tra le foglie commestibili in Tanzania. L' UOMO SOCIETÀ TRADIZIONE SVILUPPO, XXII(1), 151-182.

Mboga e masika. Ordini culinari e disordini atmosferici tra le foglie commestibili in Tanzania

Aiolfi B.
Primo
;
Van Aken M. I.
Secondo
2022

Abstract

Nel contesto di politiche agricole neo-liberiste in Tanzania, la commercializzazione di nuovi prodotti agricoli e l’enfasi sull’accesso ai mercati fuori dall’ambito locale ha causato un’inevitabile erosione dei cultivar e un rapido indebolimento delle pratiche agricole storicamente presenti. In contesti semi-aridi come la regione di Dodoma, le scelte alimentari hanno da sempre contribuito a rafforzare le strategie nell’affrontare l’erraticità della stagione delle piogge (masika) e i cambiamenti atmosferici. L’analisi degli ordini culinari e dei disordini atmosferici dalla prospettiva della filiera delle verdure a foglia (mboga) permette di aprire nuovi scenari interpretativi che riescono a connettere le forme di potere e dipendenza ai saperi agricoli locali, le competenze nel “leggere” il cielo, i ruoli familiari in ambito nutrizionale, gli interscambi fiduciari e le relazioni di genere in ambito commerciale. I saperi del cibo, accompagnamento dell’ugali, sono anche necessariamente dei saperi della masika e delle sue nuove irregolarità e incertezze all’interno del processo di surriscaldamento globale: la diversificazione colturale e la valorizzazione di molteplici foglie sono da sempre forme di «resilienza ai cambiamenti climatici», dal momento che qui da sempre la masika è fonte di incertezza come di relativa abbondanza ed è stata al centro delle stesse strutture politiche e rituali del passato.
Articolo in rivista - Articolo scientifico
In the setting of neoliberal agricultural policies in Tanzania the commercialization of new food products and the emphasis on the access to non-local markets have engendered an inevitable decrease in the cultivar and a fast change of leafy vegetables production and con-sumption. These practices have been historically present and, especially in semi-arid areas such as the Dodoma region, have always contributed to the empowerment of the strategies to face the erratic rain season (masika) and the ever-changing atmospheric modifications, which nowadays are even more accelerated.The analysis of the culinary order and of the climate disorders, as seen from the standpoint of the leafy vegetables (mboga), enables to open new scenarios of interpretation that help to connect local agricultural knowledge, the ability of “reading the sky”, the fiduciary and moral exchanges as well as the marketing gender relationships.Food expertise of local mboga, side dish of ugali, also refer to the knowledge of the rain se-ason, and of its new irregularities and uncertainties within the process of global warming: the cultivar diversification and the promotion of different leaves have always been ways of “resilience to climate changes”, since the masika has always been a source of uncertainty as well as of relative abundance, as it has been at the core of the same political and ritual structures of the past.
Tanzania, leafy vegetables, climate changes, markets, uncertainty
Tanzania, verdure a foglia, cambiamenti climatici, mercati, incertezza
Italian
151
182
32
Aiolfi, B., Van Aken, M. (2022). Mboga e masika. Ordini culinari e disordini atmosferici tra le foglie commestibili in Tanzania. L' UOMO SOCIETÀ TRADIZIONE SVILUPPO, XXII(1), 151-182.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Aiolfi-2022-L'uomo soc tradiz sviluppo-VoR.pdf

accesso aperto

Descrizione: Article
Tipologia di allegato: Publisher’s Version (Version of Record, VoR)
Licenza: Creative Commons
Dimensione 1.62 MB
Formato Adobe PDF
1.62 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/401564
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact