Il capitolo presenta la passeggiata sensobiografica, un metodo di ricerca incorporata per esplorare le esperienze di giovani rifugiati e “nativi” che convivono nello stesso territorio. I materiali della ricerca, raccolti in un progetto che ha coinvolto un gruppo di rifugiati e di giovani “nativi” del luogo, mettono in luce come questa walking metodology sia di fatto una pratica pedagogica sensibile alle diversità biografiche, culturali e linguistiche dei partecipanti. La sperimentazione, la prima a livello internazionale con i giovani rifugiati svolta a Lecco nel 2019, mostra come, in un periodo storico caratterizzato dalla paura e dai pregiudizi verso altro, la passeggiata sensobiografica ha rappresentato per i partecipanti un’opportunità formativa fuori-scuola per imparare a connettersi, invece che a disgiungersi, con l’altro e l’ambiente. Infatti, passeggiare insieme, immersi nella natura o negli spazi urbani, crea un campo relazionale inedito dove conversare e conoscersi in una rete di interrelazioni sensoriali visibili e invisibili. L’esito del contributo è l’articolazione di una teoria pratica del passeggiare insieme dove luoghi, sensorialità, incorporazione e ritmo sono dimensioni fondanti per promuovere la convivenza dei giovani nella comunità e la sensibilità ecologica di abitare il territorio.

Luraschi, S. (2022). Sensobiographic walking: una pratica di ricerca sensibile alle convivenze per ripensare le diversità. In L. Dozza, C. Cardinaletti (a cura di), Questa è l’Outdoor Education. Un laboratorio di Pedagogia itinerante (pp. 163-171). Bergamo : Zeroseiup.

Sensobiographic walking: una pratica di ricerca sensibile alle convivenze per ripensare le diversità

Luraschi, S
2022

Abstract

Il capitolo presenta la passeggiata sensobiografica, un metodo di ricerca incorporata per esplorare le esperienze di giovani rifugiati e “nativi” che convivono nello stesso territorio. I materiali della ricerca, raccolti in un progetto che ha coinvolto un gruppo di rifugiati e di giovani “nativi” del luogo, mettono in luce come questa walking metodology sia di fatto una pratica pedagogica sensibile alle diversità biografiche, culturali e linguistiche dei partecipanti. La sperimentazione, la prima a livello internazionale con i giovani rifugiati svolta a Lecco nel 2019, mostra come, in un periodo storico caratterizzato dalla paura e dai pregiudizi verso altro, la passeggiata sensobiografica ha rappresentato per i partecipanti un’opportunità formativa fuori-scuola per imparare a connettersi, invece che a disgiungersi, con l’altro e l’ambiente. Infatti, passeggiare insieme, immersi nella natura o negli spazi urbani, crea un campo relazionale inedito dove conversare e conoscersi in una rete di interrelazioni sensoriali visibili e invisibili. L’esito del contributo è l’articolazione di una teoria pratica del passeggiare insieme dove luoghi, sensorialità, incorporazione e ritmo sono dimensioni fondanti per promuovere la convivenza dei giovani nella comunità e la sensibilità ecologica di abitare il territorio.
Capitolo o saggio
sensobiographic walking, adult education, transgeneration, transcultural
Italian
Questa è l’Outdoor Education. Un laboratorio di Pedagogia itinerante
Dozza, L; Cardinaletti, C
9-set-2022
2022
979-12-80549-10-5
Zeroseiup
163
171
16
Luraschi, S. (2022). Sensobiographic walking: una pratica di ricerca sensibile alle convivenze per ripensare le diversità. In L. Dozza, C. Cardinaletti (a cura di), Questa è l’Outdoor Education. Un laboratorio di Pedagogia itinerante (pp. 163-171). Bergamo : Zeroseiup.
none
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/392754
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact