L’aumento della popolazione ha comportato una rapida espansione delle città con aumento della densità e la costruzione lungo la dimensione verticale, con il contemporaneo sviluppo nel sottosuolo per la costruzione di parcheggi e scantinati. La città metropolitana di Milano fa parte di quei nuclei urbani che hanno subito tale trasformazione, soprattutto in seguito alla trasformazione di aree industriali. La chiusura delle maggiori industrie ha generato a partire dai primi anni ’90 una risalita della falda. Obiettivo di questo studio è stata la definizione di una metodologia per la costruzione di una banca dati 3D delle infrastrutture del sottosuolo utilizzando open data cartografici (DbT), in modo da permettere la replicabilità della procedura in altre aree. I risultati ottenuti sono poi stati gestiti in ArcGIS Pro in modo da poter visualizzare e modellare l’impatto sul sottosuolo delle infrastrutture presenti. Inoltre, la banca dati è fondamentale per poter modellizzare in modo accurato, mediante un modello numerico di flusso, lo stato quantitativo della prima falda. In particolare, verranno osservate le interazioni tra falda e infrastrutture sotterranee. L’utilizzo integrato di questi strumenti garantisce supporto agli Enti che necessitino di conoscere, per fini gestionali, l’ubicazione delle infrastrutture sotterranee che insistono sul territorio.

Sartirana, D., De Amicis, M., Bonomi, T. (2019). Metodologie per la costruzione di DB 3D del sottosuolo per la città di Milano. Intervento presentato a: Conferenza ESRI Italia 2019, Roma.

Metodologie per la costruzione di DB 3D del sottosuolo per la città di Milano

Sartirana, D;De Amicis, M;Bonomi, T
2019

Abstract

L’aumento della popolazione ha comportato una rapida espansione delle città con aumento della densità e la costruzione lungo la dimensione verticale, con il contemporaneo sviluppo nel sottosuolo per la costruzione di parcheggi e scantinati. La città metropolitana di Milano fa parte di quei nuclei urbani che hanno subito tale trasformazione, soprattutto in seguito alla trasformazione di aree industriali. La chiusura delle maggiori industrie ha generato a partire dai primi anni ’90 una risalita della falda. Obiettivo di questo studio è stata la definizione di una metodologia per la costruzione di una banca dati 3D delle infrastrutture del sottosuolo utilizzando open data cartografici (DbT), in modo da permettere la replicabilità della procedura in altre aree. I risultati ottenuti sono poi stati gestiti in ArcGIS Pro in modo da poter visualizzare e modellare l’impatto sul sottosuolo delle infrastrutture presenti. Inoltre, la banca dati è fondamentale per poter modellizzare in modo accurato, mediante un modello numerico di flusso, lo stato quantitativo della prima falda. In particolare, verranno osservate le interazioni tra falda e infrastrutture sotterranee. L’utilizzo integrato di questi strumenti garantisce supporto agli Enti che necessitino di conoscere, per fini gestionali, l’ubicazione delle infrastrutture sotterranee che insistono sul territorio.
No
slide + paper
Divulgativa
infrastrutture sotterranee; banche dati; Milano; 3D; ArcGISPro
Italian
Conferenza ESRI Italia 2019
https://www.esriitalia.it/media/sync/SARTIRANA_UNIMILANOBICOCCA.pdf
Sartirana, D., De Amicis, M., Bonomi, T. (2019). Metodologie per la costruzione di DB 3D del sottosuolo per la città di Milano. Intervento presentato a: Conferenza ESRI Italia 2019, Roma.
Sartirana, D; De Amicis, M; Bonomi, T
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
SARTIRANA_UNIMILANOBICOCCA_2019.pdf

accesso aperto

Descrizione: Intervento a convegno - Conferenza ESRI Italia 2019
Tipologia di allegato: Other attachments
Dimensione 486.6 kB
Formato Adobe PDF
486.6 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10281/392454
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact