Formazione e immaginazione: note su un romanzo di Haruki Murakami