Il caso «Occhetto-Donnici», ovvero una poltrona per due