Sul rapporto tra sentenza ecclesiastica di nullità matrimoniale e sentenza di divorzio