Oggetto del presente saggio è il romanzo illustrato Tic e Tac ovvero l’orologio di Pampalona, pubblicato da Antonio Rubino nel 1920. L’analisi si articola in due direzioni, indagando per un verso gli aspetti strutturali del tessuto narrativo allestito dall'autore, la particolare forma di testualità verbo-visuale che lo contraddistingue, e per l’altro i temi principali che in tale tessuto si intrecciano, letti in riferimento alle fonti letterarie riconoscibili e nel contesto complessivo della sua opera. Centrali risultano essere, in questo senso : la notte come luogo del rovesciamento carnevalesco dell’ordine del giorno, il sogno della vita artificiale, l’idea di opera come oggetto d’arte, meccanismo complesso e meditato frutto della sapienza e della perizia dell’autore, artista-artigiano, e infine l’umorismo come cifra pedagogica della poetica dell’autore

Negri, M. (2015). Un ticchettio sinistro sull’orlo estremo dell’«età dell’oro». L’umorismo come cifra pedagogica nell’opera di Antonio Rubino. TRANSALPINA, 18, 143-162.

Un ticchettio sinistro sull’orlo estremo dell’«età dell’oro». L’umorismo come cifra pedagogica nell’opera di Antonio Rubino

NEGRI, MARTINO
Primo
2015

Abstract

Oggetto del presente saggio è il romanzo illustrato Tic e Tac ovvero l’orologio di Pampalona, pubblicato da Antonio Rubino nel 1920. L’analisi si articola in due direzioni, indagando per un verso gli aspetti strutturali del tessuto narrativo allestito dall'autore, la particolare forma di testualità verbo-visuale che lo contraddistingue, e per l’altro i temi principali che in tale tessuto si intrecciano, letti in riferimento alle fonti letterarie riconoscibili e nel contesto complessivo della sua opera. Centrali risultano essere, in questo senso : la notte come luogo del rovesciamento carnevalesco dell’ordine del giorno, il sogno della vita artificiale, l’idea di opera come oggetto d’arte, meccanismo complesso e meditato frutto della sapienza e della perizia dell’autore, artista-artigiano, e infine l’umorismo come cifra pedagogica della poetica dell’autore
Articolo in rivista - Articolo scientifico
Cet essai a comme objet le roman illustré Tic e Tac ovvero l’orologio di Pampalona, publié par Antonio Rubino en 1920. L’analyse s’articule en deux directions, en explorant d’un côté les aspects structurels du tissu narratif mis en place par l’auteur, la forme particulière de textualité verbo-visuelle qui le caractérise, et de l’autre les thèmes principaux qui s’y mêlent, lus en correspondance avec les sources littéraires identifiables ainsi que dans le contexte global de son oeuvre. Dans ce sens, apparaissent fondamentaux la nuit, en tant que lieu de renversement carnavalesque de l’ordre du jour, le rêve d’une vie artificielle, l’idée de l’oeuvre comme objet d’art, mécanisme complexe et résultat réfléchi du savoir et de la compétence de l’auteur, artiste-artisan, et enfin l’humour comme marque pédagogique de la poétique de l’auteur
Antonio Rubino, Età dell'oro, Hoffmann, Tic e Tac, testualità verbo-visuale
Italian
143
162
20
Negri, M. (2015). Un ticchettio sinistro sull’orlo estremo dell’«età dell’oro». L’umorismo come cifra pedagogica nell’opera di Antonio Rubino. TRANSALPINA, 18, 143-162.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/142411
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact