Pedagogia militante e pedagogia narrativa: quale possibile incontro?