Coercizione in psichiatria tra sicurezza dei luoghi di cura e diritti fondamentali del paziente