Qualcosa di opaco. Barthes, il lutto e la scrittura