Poesia in forma di prigione. Sul sonetto di Giovanni Raboni