Il 'giurista penale': un intellettuale 'minore'?