L’iscrizione tra solidarietà sociale e 'volontarismo'