Il presente studio investiga, se e in quali termini, la disclosure delle non financial information esercita un’influenza sulle performance aziendali. L’indagine empirica verte su di un campione di aziende appartenenti al settore financial e quotate nei principali mercati mobiliari europei. Tale scelta metodologica discende in via precipua dalla constatazione che, in merito alla sostenibilità, nei ranking stilati da Fortune 250 e Corporate Knights le banche si posizionano ai primi posti. La data collection copre il periodo 2009-2013 e consegue da autorevoli fonti secondarie (Asset4 e Bankscope). I risultati di alcuni modelli di regressione con dati panel mostrano che un approccio di tipo “combinato” nella fornitura delle non financial information (riconducibile al recepimento delle linee guida del GRI unitamente all’implementazione di azioni di “green management” misurate tramite un environmental score) influisce positivamente sul patrimonio netto per azione. In termini di prospettive future di ricerca, tali evidenze empiriche contribuiscono ad alimentare il dibattito accademico sull’esigenza, sempre più condivisa, di optare per un framework combinato di non financial information.

Bianchi Martini, S., Corvino, A., Doni, F., Rigolini, A. (2015). L’influenza sulle performance di un approccio combinato alla non-financial disclosure. Evidenze empiriche da un’analisi longitudinale sul settore bancario nel contesto Ue. In Aidea 2015 sviluppo, sostenibilita’ e competitivitá delle aziende: il contributo degli economisti aziendali 10-12 settembre 2015, Piacenza (pp.1-16).

L’influenza sulle performance di un approccio combinato alla non-financial disclosure. Evidenze empiriche da un’analisi longitudinale sul settore bancario nel contesto Ue

DONI, FEDERICA;
2015

Abstract

Il presente studio investiga, se e in quali termini, la disclosure delle non financial information esercita un’influenza sulle performance aziendali. L’indagine empirica verte su di un campione di aziende appartenenti al settore financial e quotate nei principali mercati mobiliari europei. Tale scelta metodologica discende in via precipua dalla constatazione che, in merito alla sostenibilità, nei ranking stilati da Fortune 250 e Corporate Knights le banche si posizionano ai primi posti. La data collection copre il periodo 2009-2013 e consegue da autorevoli fonti secondarie (Asset4 e Bankscope). I risultati di alcuni modelli di regressione con dati panel mostrano che un approccio di tipo “combinato” nella fornitura delle non financial information (riconducibile al recepimento delle linee guida del GRI unitamente all’implementazione di azioni di “green management” misurate tramite un environmental score) influisce positivamente sul patrimonio netto per azione. In termini di prospettive future di ricerca, tali evidenze empiriche contribuiscono ad alimentare il dibattito accademico sull’esigenza, sempre più condivisa, di optare per un framework combinato di non financial information.
No
slide + paper
informazioni non financial banche, Unione Europea, indicatori, ambientale, indicatori, patrimonio di vigilanza
Italian
Aidea sviluppo, sostenibilita’ e competitivitá delle aziende: il contributo degli economisti aziendali 10-11-12 settembre c/o Università Cattolica del Sacro Cuore
Bianchi Martini, S., Corvino, A., Doni, F., Rigolini, A. (2015). L’influenza sulle performance di un approccio combinato alla non-financial disclosure. Evidenze empiriche da un’analisi longitudinale sul settore bancario nel contesto Ue. In Aidea 2015 sviluppo, sostenibilita’ e competitivitá delle aziende: il contributo degli economisti aziendali 10-12 settembre 2015, Piacenza (pp.1-16).
Bianchi Martini, S; Corvino, A; Doni, F; Rigolini, A
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/91408
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact