L’applicazione dell’Asse V di Kennedy a un campione clinico italiano