La percezione del movimento come base per l’organizzazione percettiva