Nuove politiche regionali: il caso inglese