Lo scritto commenta Cass., n. 3251 del 1974, secondo cui l'istruzione preventiva in vista di una lite tributaria dinanzi al giudice ordinario non è ammessa quando riguarda questioni di estimazione semplice. La nota critica il concetto di estimazione semplice assunto nella sentenza e solleva un problema di legittimità costituzionale circa la non ammissibilità dell'istruzione preventiva nelle liti tributarie.

Tesauro, F. (1975). Competenza del giudice ordinario sulle questioni di fatto non estimative e incostituzionalità del difetto di istruzione preventiva nel processo tributario. RIVISTA DI DIRITTO FINANZIARIO E SCIENZA DELLE FINANZE, XXXIV(1), 17-27.

Competenza del giudice ordinario sulle questioni di fatto non estimative e incostituzionalità del difetto di istruzione preventiva nel processo tributario

TESAURO, FRANCESCO
1975

Abstract

Lo scritto commenta Cass., n. 3251 del 1974, secondo cui l'istruzione preventiva in vista di una lite tributaria dinanzi al giudice ordinario non è ammessa quando riguarda questioni di estimazione semplice. La nota critica il concetto di estimazione semplice assunto nella sentenza e solleva un problema di legittimità costituzionale circa la non ammissibilità dell'istruzione preventiva nelle liti tributarie.
Articolo in rivista - Articolo scientifico
Processo tributario; istruzione preventiva; inammissibilità; questione di legittimità costituzionale.
Italian
17
27
11
Tesauro, F. (1975). Competenza del giudice ordinario sulle questioni di fatto non estimative e incostituzionalità del difetto di istruzione preventiva nel processo tributario. RIVISTA DI DIRITTO FINANZIARIO E SCIENZA DELLE FINANZE, XXXIV(1), 17-27.
Tesauro, F
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/84886
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact