le pratiche di cura non sono riducibili a semplici gesti di accudimento e presa in carico di persone che si confrontano con uno stato di disagio, di malessere o di malattia. L'esperienza di educatori e operatori che lavorano con persone in situazione di disabilità spinge a considerare con attenzione il nesso limite/potenzialità, in una più ampia prospettiva esistenziale, nonchè l'importante ruolo svolto dalle rappresentazioni sociali. Solo così è possibile riappropriarsi del carattere intrinsecamente educativo della cura

Palmieri, C. (2004). Cura e Handicap. Riflessioni educative sull'uso del linguaggio. ANIMAZIONE SOCIALE, 2004(1), 9-18.

Cura e Handicap. Riflessioni educative sull'uso del linguaggio

PALMIERI, CRISTINA
2004

Abstract

le pratiche di cura non sono riducibili a semplici gesti di accudimento e presa in carico di persone che si confrontano con uno stato di disagio, di malessere o di malattia. L'esperienza di educatori e operatori che lavorano con persone in situazione di disabilità spinge a considerare con attenzione il nesso limite/potenzialità, in una più ampia prospettiva esistenziale, nonchè l'importante ruolo svolto dalle rappresentazioni sociali. Solo così è possibile riappropriarsi del carattere intrinsecamente educativo della cura
Articolo in rivista - Articolo scientifico
cura, educazione, esistenza, disabilità, rappresentazioni sociali, limiti, potenzialità
Italian
Palmieri, C. (2004). Cura e Handicap. Riflessioni educative sull'uso del linguaggio. ANIMAZIONE SOCIALE, 2004(1), 9-18.
Palmieri, C
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10281/8149
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact