Il saluto romano allo stadio: l'"eterno presente" del XXI secolo?