Il virus benefico delle pratiche filosofiche nella scuola mortificata