"Dignità": un concetto utilizzabile alla fine della vita?