Vecchi automatismi cautelari e nuove esigenze di difesa sociale