II rapporto tra medico, psicologo e paziente con disturbi somatoformi