La “completezza” e la “concludenza” delle indagini alla luce della rinnovata udienza preliminare