Il caso Englaro: autonomia e indisponibilità della vita in conflitto?