I media e la guerra alle migrazioni