The contextual-ecological perspective of attachment offers a theoretical integrated frame that allows us to study parenthood and the factors that can influence this choice. In this perspective we hypothesize that parental investment is the result of the coming of age, in the young adult phase, of the early relationship with the family of origin and of the construction of the romantic relationship. This work investigates the interaction between representations of attachment bond (both as children and young adults to their family of origin and as adults to their partner) and the choice of becoming parents both on a group of couples waiting for their first child and on a group of couples who decided not to become parents. Results show that the two groups differ significantly in their manner of processing the attachment relationships to their family during young adulthood and in their commitment to the romantic relationship. Instead, representations of attachment relationships to the family as children do not appear to be closely correlated to the choice of becoming a parent.

La transizione alla genitorialità, cioè il passaggio dalla condizione di figlio a quella di genitore, è classicamente ritenuta, in una prospettiva psicodinamica, parte di un processo evolutivo che affonda le proprie radici nell'infanzia (Erikson, 1982; Pines, 1982; per una rassegna Scopesi, 1994). Come tale, dunque, è preparata e influenzata dal modo in cui l’individuo porta a termine i compiti evolutivi relativi alle precedenti fasi del ciclo di vita. In questa prospettiva, lo snodo cruciale del percorso -che dall’infanzia conduce alla futura identità adulta, sessuata e generativa- tradizionalmente coincide con la seconda fase del processo di separazione-individuazione che di solito si avvia a partire dall’adolescenza. A sua volta, gli studi life cycle sulla famiglia, che connettono i compiti evolutivi individuali a quelli dell’intero sistema famigliare in una prospettiva trigenerazionale, inseriscono la transizione alla genitorialità in un processo condiviso dai vari membri della famiglia allargata, individuando gli specifici compiti evolutivi fra loro connessi (McGoldrick e Carter, 1982). In tale prospettiva, snodi evolutivi fondamentali per favorire la transizione alla genitorialità sono rappresentati dall’“uscita” dalla famiglia di origine del giovane adulto e dalla costruzione di una nuova coppia (McGoldrick e Carter, 1982; Scabini, 1995). Il punto di integrazione di queste due visioni è esplorabile nel modello dell’attaccamento. La sua più recente formulazione ecologico-contestuale proietta la funzione del legame di attaccamento lungo l’intero arco di vita dell’individuo entro la rete di relazioni famigliari, descrivendone la maturazione da infantile a adulto in connessione con le varie “crisi” evolutive che sia il singolo sia i membri del sistema allargato devono superare perché si creino le condizioni del passaggio dalla famiglia di origine a quella generata (Levitt, 1991). Tale prospettiva teorica ha consentito di elaborare nuove ipotesi sui processi relazionali e intergenerazionali che confluiscono sulla scelta di avere figli e sulla connessione tra l’esito di questi processi e la maturazione del comportamento di cura. In tale ottica, la transizione alla genitorialitàsi colloca su un continuum dove si giocano la trasformazione del legame di attaccamento alla famiglia di origine e la costruzione del legame di attaccamento al partner. In questo lavoro si intende esplicitare tale percorso evolutivo sia da un punto di vista teorico, formulando ipotesi sui fattori che influiscono sulla scelta di diventare o meno genitori, sia da un punto di vista empirico, presentando i dati di una ricerca che verifica tali ipotesi.

Carli, L., Traficante, D. (2007). Le determinanti intergenerazionali e relazionali della scelta genitoriale: confronto fra coppie in attesa del primo figlio e senza figli per scelta. PSICOLOGIA CLINICA DELLO SVILUPPO, 11(1), 55-74 [10.1449/24345].

Le determinanti intergenerazionali e relazionali della scelta genitoriale: confronto fra coppie in attesa del primo figlio e senza figli per scelta

CARLI, LUCIA LEONILDE;
2007

Abstract

La transizione alla genitorialità, cioè il passaggio dalla condizione di figlio a quella di genitore, è classicamente ritenuta, in una prospettiva psicodinamica, parte di un processo evolutivo che affonda le proprie radici nell'infanzia (Erikson, 1982; Pines, 1982; per una rassegna Scopesi, 1994). Come tale, dunque, è preparata e influenzata dal modo in cui l’individuo porta a termine i compiti evolutivi relativi alle precedenti fasi del ciclo di vita. In questa prospettiva, lo snodo cruciale del percorso -che dall’infanzia conduce alla futura identità adulta, sessuata e generativa- tradizionalmente coincide con la seconda fase del processo di separazione-individuazione che di solito si avvia a partire dall’adolescenza. A sua volta, gli studi life cycle sulla famiglia, che connettono i compiti evolutivi individuali a quelli dell’intero sistema famigliare in una prospettiva trigenerazionale, inseriscono la transizione alla genitorialità in un processo condiviso dai vari membri della famiglia allargata, individuando gli specifici compiti evolutivi fra loro connessi (McGoldrick e Carter, 1982). In tale prospettiva, snodi evolutivi fondamentali per favorire la transizione alla genitorialità sono rappresentati dall’“uscita” dalla famiglia di origine del giovane adulto e dalla costruzione di una nuova coppia (McGoldrick e Carter, 1982; Scabini, 1995). Il punto di integrazione di queste due visioni è esplorabile nel modello dell’attaccamento. La sua più recente formulazione ecologico-contestuale proietta la funzione del legame di attaccamento lungo l’intero arco di vita dell’individuo entro la rete di relazioni famigliari, descrivendone la maturazione da infantile a adulto in connessione con le varie “crisi” evolutive che sia il singolo sia i membri del sistema allargato devono superare perché si creino le condizioni del passaggio dalla famiglia di origine a quella generata (Levitt, 1991). Tale prospettiva teorica ha consentito di elaborare nuove ipotesi sui processi relazionali e intergenerazionali che confluiscono sulla scelta di avere figli e sulla connessione tra l’esito di questi processi e la maturazione del comportamento di cura. In tale ottica, la transizione alla genitorialitàsi colloca su un continuum dove si giocano la trasformazione del legame di attaccamento alla famiglia di origine e la costruzione del legame di attaccamento al partner. In questo lavoro si intende esplicitare tale percorso evolutivo sia da un punto di vista teorico, formulando ipotesi sui fattori che influiscono sulla scelta di diventare o meno genitori, sia da un punto di vista empirico, presentando i dati di una ricerca che verifica tali ipotesi.
Articolo in rivista - Articolo scientifico
The contextual-ecological perspective of attachment offers a theoretical integrated frame that allows us to study parenthood and the factors that can influence this choice. In this perspective we hypothesize that parental investment is the result of the coming of age, in the young adult phase, of the early relationship with the family of origin and of the construction of the romantic relationship. This work investigates the interaction between representations of attachment bond (both as children and young adults to their family of origin and as adults to their partner) and the choice of becoming parents both on a group of couples waiting for their first child and on a group of couples who decided not to become parents. Results show that the two groups differ significantly in their manner of processing the attachment relationships to their family during young adulthood and in their commitment to the romantic relationship. Instead, representations of attachment relationships to the family as children do not appear to be closely correlated to the choice of becoming a parent.
Genitorialità
Italian
55
74
Carli, L., Traficante, D. (2007). Le determinanti intergenerazionali e relazionali della scelta genitoriale: confronto fra coppie in attesa del primo figlio e senza figli per scelta. PSICOLOGIA CLINICA DELLO SVILUPPO, 11(1), 55-74 [10.1449/24345].
Carli, L; Traficante, D
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10281/6647
Citazioni
  • Scopus 2
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact