Il perdono come atto nomotrofico