Considerazioni sull'interpretazione autonoma, da parte della Corte di Giustizia, delle espressioni tecnico giuridiche contenute nelle direttive comunitarie e sull'idoneità dell'autonomia collettiva a provvedere al recepimento delle stesse