L'entre-deux della maschera come luogo di trans-formazione