I coccolitoforidi in un sito costiero del Golfo di Trieste