Mutilazioni genitali femminili: la prima sentenza di condanna