Stato vegetativo e decisioni sulle cure. Servono le direttive anticipate?