Da un’analisi della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo emerge che anche il nostro ordinamento è suscettibile di violazioni del nemo tenetur se detegere, sotto vari profili: in proposito, si trattano le questioni relative alle cosiddette “coercizioni di tipo fisiologico e patologico” sulla volontà dell’accusato di non rendere delle dichiarazioni contra se (si sviluppa in particolare il tema delle dichiarazioni autoincriminanti rese nel corso delle inchieste di natura amministrativa); le questioni attinenti ai cosiddetti “prelievi biologici coattivi”; le questioni relative alla valutazione del silenzio. Di qui, si prospettano le soluzioni per evitare d’incorrere in ulteriori violazioni del dettato convenzionale da parte del nostro Stato.

Zacche', F. (2008). Gli effetti della giurisprudenza europea in tema di privilegio contro le autoincriminazioni e diritto al silenzio. In A. Balsamo, R.E. Kostoris (a cura di), Giurisprudenza europea e processo penale italiano (pp. 179-195). Torino : Giappichelli.

Gli effetti della giurisprudenza europea in tema di privilegio contro le autoincriminazioni e diritto al silenzio

ZACCHE', FRANCESCO
2008

Abstract

Da un’analisi della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo emerge che anche il nostro ordinamento è suscettibile di violazioni del nemo tenetur se detegere, sotto vari profili: in proposito, si trattano le questioni relative alle cosiddette “coercizioni di tipo fisiologico e patologico” sulla volontà dell’accusato di non rendere delle dichiarazioni contra se (si sviluppa in particolare il tema delle dichiarazioni autoincriminanti rese nel corso delle inchieste di natura amministrativa); le questioni attinenti ai cosiddetti “prelievi biologici coattivi”; le questioni relative alla valutazione del silenzio. Di qui, si prospettano le soluzioni per evitare d’incorrere in ulteriori violazioni del dettato convenzionale da parte del nostro Stato.
Capitolo o saggio
Corte europea; Costituzione; prova penale; prelievi biologici coattivi; diritto al silenzio; prova documentale; privilegio contro le autoincriminazioni
Italian
Giurisprudenza europea e processo penale italiano
978-88-348-8602-1
Zacche', F. (2008). Gli effetti della giurisprudenza europea in tema di privilegio contro le autoincriminazioni e diritto al silenzio. In A. Balsamo, R.E. Kostoris (a cura di), Giurisprudenza europea e processo penale italiano (pp. 179-195). Torino : Giappichelli.
Zacche', F
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10281/4734
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact