Il caso Roemer: limiti di materia, principio di uguaglianza o tutela di diritti?