Lo "strumento finanziario" in Cassazione