Il concetto di crescita post-traumatica è stato molto studiato negli ultimi vent’anni, tuttavia i risultati della ricerca in termini di correlati psicosociali risultano spesso contraddittori, aprendo l’ipotesi all’esistenza di profili differenti di crescita (Sumalla et al., 2009). L’obiettivo di questo contributo è quello di indagare il tema nel preciso tentativo di individuare profili narrativi diversi, utilizzando in modo integrato due sistemi di codifica: il modello dell’identità narrativa di Dan McAdams (2001) ed il Differential emotion model e il Summed emotion model di Pennebaker e Francis (1993, 1996). Tedeschi e Calhoun, autori del modello teorico più utilizzato in quest’ambito di ricerca, individuano nell’utilizzo dei processi cognitivi e nell’espressione delle emozioni nel racconto della propria esperienza traumatica i due elementi chiave per disambiguare i differenti profili di crescita. (Tedeschi & Calhoun, 2004). Per poter rispondere a questo interrogativo sono state esaminate le narrazioni autobiografiche di due gruppi di partecipanti, il primo composto da 40 pazienti oncologici ed il secondo composto da 27 pazienti trapiantati di fegato in seguito a carcinoma epatocellulare. I risultati di entrambi gli studi mostrano l’esistenza di profili narrativi di crescita caratterizzati da un differente uso di processi cognitivi e una differente espressione di emozioni. Nello specifico emergono tre diversi profili narrativi; uno dei quali appare più coerente con il concetto di positive reappraisal poiché caratterizzato da un’espressione prevalente di emozioni positive ed un uso inferiore di processi cognitivi rispetto agli altri due gruppi in cui si riscontra la compresenza di processi cognitivi ed un’espressione differente delle emozioni negative

Marini, E., Scrignaro, M., Magrin, M. (2013). Diversi profili narrativi di crescita post-traumatica: l’importante ruolo dei processi cognitivi. Intervento presentato a: Giornate Nazionali di Psicologia Positiva, Milano.

Diversi profili narrativi di crescita post-traumatica: l’importante ruolo dei processi cognitivi

MARINI, EMANUELA;SCRIGNARO, MARTA;MAGRIN, MARIA ELENA
2013-02-22

Abstract

Il concetto di crescita post-traumatica è stato molto studiato negli ultimi vent’anni, tuttavia i risultati della ricerca in termini di correlati psicosociali risultano spesso contraddittori, aprendo l’ipotesi all’esistenza di profili differenti di crescita (Sumalla et al., 2009). L’obiettivo di questo contributo è quello di indagare il tema nel preciso tentativo di individuare profili narrativi diversi, utilizzando in modo integrato due sistemi di codifica: il modello dell’identità narrativa di Dan McAdams (2001) ed il Differential emotion model e il Summed emotion model di Pennebaker e Francis (1993, 1996). Tedeschi e Calhoun, autori del modello teorico più utilizzato in quest’ambito di ricerca, individuano nell’utilizzo dei processi cognitivi e nell’espressione delle emozioni nel racconto della propria esperienza traumatica i due elementi chiave per disambiguare i differenti profili di crescita. (Tedeschi & Calhoun, 2004). Per poter rispondere a questo interrogativo sono state esaminate le narrazioni autobiografiche di due gruppi di partecipanti, il primo composto da 40 pazienti oncologici ed il secondo composto da 27 pazienti trapiantati di fegato in seguito a carcinoma epatocellulare. I risultati di entrambi gli studi mostrano l’esistenza di profili narrativi di crescita caratterizzati da un differente uso di processi cognitivi e una differente espressione di emozioni. Nello specifico emergono tre diversi profili narrativi; uno dei quali appare più coerente con il concetto di positive reappraisal poiché caratterizzato da un’espressione prevalente di emozioni positive ed un uso inferiore di processi cognitivi rispetto agli altri due gruppi in cui si riscontra la compresenza di processi cognitivi ed un’espressione differente delle emozioni negative
No
abstract + slide
Crescita post-traumatica, processi cognitivi, indicatori linguistici
Italian
Giornate Nazionali di Psicologia Positiva
Marini, E., Scrignaro, M., Magrin, M. (2013). Diversi profili narrativi di crescita post-traumatica: l’importante ruolo dei processi cognitivi. Intervento presentato a: Giornate Nazionali di Psicologia Positiva, Milano.
Marini, E; Scrignaro, M; Magrin, M
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10281/41940
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact