Il gioco viene descritto come esperienza originaria e come istanza pedagogica di trasformazione, una vocazione a essere di più che non ambisce a raggiungere traguardi, obiettivi o implementare abilità, ma che si nutre del piacere e della motivazione intrinseca. Nell'ambito della disabilità il gioco è visto nella sua matrice di benessere e di esperienza vitale necessaria, indipendentemente da fini riabilitativi, di cura o per sostenere competenze.

Antonacci, F. (2022). Il gioco come esperienza educativa. In C. Riva, E. Rossoni (a cura di), La ludotecnica inclusiva. Giocare con i bambini con disabilità come metodologia educativa (pp. 45-59). Milano : Franco Angeli.

Il gioco come esperienza educativa

Antonacci, F
2022

Abstract

Il gioco viene descritto come esperienza originaria e come istanza pedagogica di trasformazione, una vocazione a essere di più che non ambisce a raggiungere traguardi, obiettivi o implementare abilità, ma che si nutre del piacere e della motivazione intrinseca. Nell'ambito della disabilità il gioco è visto nella sua matrice di benessere e di esperienza vitale necessaria, indipendentemente da fini riabilitativi, di cura o per sostenere competenze.
Capitolo o saggio
Gioco e disabilità, gioco e giocare, pedagogia del gioco
Italian
La ludotecnica inclusiva. Giocare con i bambini con disabilità come metodologia educativa
9788835136736
Antonacci, F. (2022). Il gioco come esperienza educativa. In C. Riva, E. Rossoni (a cura di), La ludotecnica inclusiva. Giocare con i bambini con disabilità come metodologia educativa (pp. 45-59). Milano : Franco Angeli.
Antonacci, F
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/378232
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact