La premorienza del coniuge nella disciplina romanistica della donazione