L’infezione cronica da virus dell'epatite B (HBV) è un grave problema di salute pubblica che interessa milioni di persone nelle quali il decorso della malattia può portare allo sviluppo di cirrosi, epatocarcinoma, scompenso epatico, riducendo così la sopravvivenza dei pazienti. Nonostante la vaccinazione obbligatoria, nel nostro paese si contano ancora centinaia di migliaia di cittadini italiani e immigrati da aree ad alta endemia con epatite cronica B, contratta alla nascita o nei primi anni di vita, che in molti casi può rimanere misconosciuta e asintomatica per decenni ma che nel tempo può progredire e favorire lo sviluppo di cirrosi ed epatocarcinoma (1). Negli ultimi anni sono molto migliorate l’efficacia e la sicurezza dei trattamenti disponibili, sia per l’avvento dei nuovi farmaci antivirali che per la disponibilità di più accurate tecniche diagnostiche per la stadiazione dell’epatopatia e il monitoraggio della risposta alla terapia. Nonostante i risultati fino a qualche anno fa insperati, sussistono bisogni insoddisfatti e ulteriori margini di miglioramento terapeutico per incrementare l’attesa di vita dei pazienti.

Carosi, G., Gaeta, G., Fagiuoli, S., Lampertico, P., Levrero, M., Marzano, A., et al. (2012). La gestione nel presente dell’epatite cronica B per risultati a lungo termine. NEWSLETTER CLINICAL PRACTICE, X(X), 1-8.

La gestione nel presente dell’epatite cronica B per risultati a lungo termine

Fagiuoli, S;
2012

Abstract

L’infezione cronica da virus dell'epatite B (HBV) è un grave problema di salute pubblica che interessa milioni di persone nelle quali il decorso della malattia può portare allo sviluppo di cirrosi, epatocarcinoma, scompenso epatico, riducendo così la sopravvivenza dei pazienti. Nonostante la vaccinazione obbligatoria, nel nostro paese si contano ancora centinaia di migliaia di cittadini italiani e immigrati da aree ad alta endemia con epatite cronica B, contratta alla nascita o nei primi anni di vita, che in molti casi può rimanere misconosciuta e asintomatica per decenni ma che nel tempo può progredire e favorire lo sviluppo di cirrosi ed epatocarcinoma (1). Negli ultimi anni sono molto migliorate l’efficacia e la sicurezza dei trattamenti disponibili, sia per l’avvento dei nuovi farmaci antivirali che per la disponibilità di più accurate tecniche diagnostiche per la stadiazione dell’epatopatia e il monitoraggio della risposta alla terapia. Nonostante i risultati fino a qualche anno fa insperati, sussistono bisogni insoddisfatti e ulteriori margini di miglioramento terapeutico per incrementare l’attesa di vita dei pazienti.
Articolo in rivista - Articolo scientifico
epatite cronica B
Italian
1
8
8
supplemento NEWSLETTER CLINICAL PRACTICE - BIMESTRALE DI ATTUALITÀ IN MEDICINA ANNO I - N. 2
Carosi, G., Gaeta, G., Fagiuoli, S., Lampertico, P., Levrero, M., Marzano, A., et al. (2012). La gestione nel presente dell’epatite cronica B per risultati a lungo termine. NEWSLETTER CLINICAL PRACTICE, X(X), 1-8.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CP_newsletter HBV_20_4.pdf

Solo gestori archivio

Dimensione 1.26 MB
Formato Adobe PDF
1.26 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/354328
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact