Considerazioni critiche su un caso di angiodisplasia a tardivo riconoscimento