Tra parola e enunciato: le dimensioni intermedie