La “direttiva armi” tra obiettivi di sicurezza internazionale e mercato