Sorveglianza, soggettività e spazio pubblico